Abbonamento condiviso su Netflix: fino a quando si potrà

Su Netflix è sempre stato possibile condividere il proprio account con altri utenti. Ma, forse, non sarà più così

Netflix è da anni al primo posto delle piattaforme di streaming. E’ il risultato anche di agevolazioni come gli account condivisi, che però, ora fanno discutere. Ecco come funziona l’abbonamento condiviso su Netflix e fino a quando sarà possibile.

Netflix: abbonamento condiviso e le polemiche

La pratica di condividere l’abbonamento Netflix di un unico account tra più persone è ormai fortemente scoraggiata dalla stessa Netflix. Come si legge anche nella sezione di supporto del sito ufficiale, l’azienda limita l’accesso ai dispositivi presenti all’interno dello stesso nucleo domestico.

Attraverso indirizzi IP, ID dei dispositivi e attività dell’account, il sistema può oggi infatti riconoscere eventuali accessi effettuati con continuità dall’esterno del nucleo domestico dell’abbonato e richiedere una verifica del dispositivo. Ora “Account condiviso” è quello che attraverso la sottoscrizione di un abbonamento standard o premium permette a più dispositivi presenti in casa di collegarsi contemporaneamente alla piattaforma. Il divieto di condividere l’account in Europa, però, non è ancora arrivato. E non si sa quando succederà.

Il cambiamento è avvenuto dal 22 agosto in Argentina, Repubblica Dominicana, El Salvador, Guatemala e Honduras, per ora in via sperimentale. In questi Paesi gli utenti abbonati a Netflix devono pagare 2,99 dollari in più al mese per aggiungere un nuovo utente al proprio account. Per chi ha il piano tariffario base si potrà aggiungere un solo utente, per gli abbonati Standard due, e i Premium tre account.

Netflix: condividere l’abbonamento è legale?

Dunque, alcuni si domanderanno se condividere il proprio account con altri utenti Netflix sia legale. La risposta è si, non si commette un illecito.

C’è da premettere che la condivisione di streaming è un punto di forza di Netflix ma, a lungo andare, è diventato anche un problema. Questo perchè si tende ad abusare di questo sistema fornendo la password del proprio account ad amici e parenti che, così facendo, vedono Netflix senza pagare nulla.

E questo ha causato grandi perdite per il colosso di streaming.

Netflix riesce comunque a verificare che l’account non sia diffuso a persone estranee al nucleo abitativo Netflix e controlla gli indirizzi IP di chi si collega al servizio di streaming. Qualora emergesse che il secondo account non risiede nella stessa casa in cui vive l’utente titolare dell’abbonamento, a quel punto si potrebbe andare incontro alla disattivazione del servizio.

Scritto da Chiara Sorice
Categorie Internet
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Quegli effetti positivi sulla salute del CBD che le normative ancora non recepiscono bene

Gasatori d’acqua: quale ordinare e le offerte

Leggi anche
  • streaming1Piattaforme streaming 2022: ecco quali scegliere

    Ecco le migliori piattaforme streaming che si possono scegliere nel 2022 per guardare fil. serie-tv, sport

  • netflix1Netflix 2023, quanto costeranno i nuovi abbonamenti

    Netflix cambia rotta: nuovi abbonamenti tra la fine del 2022 e l’inizio del 2023

  • 
    Loading...
  • daznDAZN su Sky: quanto costa e cosa vedere

    DAZN è arrivato anche su Sky. Ecco quanto costa abbonarsi per vedere tutta la Serie A

  • amazonAmazon Prime: da settembre 2022 aumenta l’abbonamento

    Amazon Prime da settembre 2022 aumenterà l’abbonamento. Ecco perchè e cosa cambia per gli utenti

  • bitcoin: robot tradingAcquisti e bitcoin: un connubio sempre più forte

    L’ultima novità del settore sono i sistemi di trading automatico che sfruttano l’intelligenza artificiale per comprare, vendere o scambiare asset.

Contentsads.com