Cura dei capelli: consigli per proteggere quelli tinti

cura dei capelli

La cura dei capelli tinti richiede attenzioni specifiche e l’utilizzo di prodotti adeguati. In questa guida, alcuni consigli per proteggere al meglio i capelli tinti, mantenendo il loro colore vivo e splendente. I capelli colorati sono più delicati di quelli naturali. Per mantenere viva la loro salute e bellezza, occorre conoscere qualche piccolo segreto che sarà di sicuro aiuto. È molto semplice ottenere bellissime nuance, sia in casa che dal parrucchiere. La cura dei capelli tinti è, invece, un po’ più complicata. L’effetto “shock” donato dalla nuova colorazione potrebbe presto trasformarsi in un boomerang. Un capello tinto trattato con trascuratezza tende quasi subito a sbiadire e a presentarsi con una consistenza fragile o stopposa. Avere la consapevolezza che i capelli tinti sono un mondo diverso rispetto a quelli naturali è il primo assioma da cui non si può prescindere.

Lavaggio specifico per capelli tinti

Fatta la colorazione, dopo averli asciugati, passare una piastra per fissare la tintura è sicuramente una buona idea.

Non lo è, invece, quella di lavarli dopo poco tempo. Occorre aspettare almeno un paio di giorni se si desidera che il colori duri il più possibile. Lavare i capelli tinti richiede qualche attenzione in più del solito. Anzitutto, scegliere con cura i prodotti da usare, shampoo e balsamo. Non devono essere aggressivi e contenere sostanze chimiche, solfati come il cloro che, in genere, tendono ad assorbire la tinta. Devono essere, invece, leggeri, idratanti e adatti per capelli colorati, possibilmente dandone indicazione sull’etichetta. Così facendo, si eviterà che i capelli risultino secchi e stopposi come di solito accade dopo una tintura.

Molto spesso, per raggiungere un obiettivo gratificante occorre fare dei piccoli sacrifici. Anche la cura dei capelli tinti non sfugge a questa regola, specialmente durante il lavaggio. Proteggere al meglio i capelli colorati impone la regola di lavare i capelli con acqua fresca. Questa azione deve continuare lungo tutto il lavaggio ed è fondamentale per mantenere salute e brillantezza dei capelli.

Al contrario, l’acqua calda tende a seccarli e a renderli più opachi. Lavare i capelli con acqua fresca è, tutto sommato, un trattamento piuttosto sopportabile. Farlo nel lavandino con l’aiuto di una bacinella può essere una soluzione facile da adottare, alla portata di tutti. Non si sta parlando quindi di “doccia scozzese”: visti i risultati, il gioco vale sicuramente la candela!

Consigli prima della piega

Anche la preparazione della piega richiede cure particolari. Spazzolare e pettinare i capelli con vigore potrebbe risultare davvero dannoso. Come abbiamo già accennato, i capelli tinti mutano la loro conformazione, diventando più delicati. Maltrattare i capelli rende meno integra loro struttura: le molecole di colore tendono così ad affievolirsi, avviando il processo di scoloritura. Soprattutto in presenza di una trama stopposa è da evitare a tutti i costi un’enegica azione di spazzolamento. Molto meglio, invece procedere con cautela e delicatezza, tenendo a mente che questo tipo di trattamento ci consentirà di mantenere più a lungo la chioma in salute e splendente.

Si sconsiglia anche di legare troppo spesso i capelli con una coda o tirarli in uno chignon. Si tratta di azioni che a lungo andare potrebbero insidiare ulteriormente i capelli tinti.

Olio per la cura dei capelli

Tra i trattamenti specifici che aiutano la cura dei capelli si consiglia di sperimentare l’uso di un olio nutriente. In commercio esistono diversi prodotti immaginati proprio per venire incontro a queste esigenze. L’olio nutriente applicato dopo il lavaggio è in grado di donare struttura ai capelli secchi e fragili. La sua composizione, basata su pure sostanze naturali, aiuta a rendere morbidi e lisci anche i capelli più sfibrati, evitandone le doppie punte. È un valido aiuto per la cura dei capelli, agendo efficacemente in situazioni estreme come l’esposizione prolungata al sole e al vento o la presenza di cloro in piscina. Questa tipologia di prodotto è l’ideale per proteggere al meglio i capelli tinti e decolorati.

Riepiloghiamo, in breve, cosa occorre sapere per proteggere al meglio i capelli tinti:

  • I capelli tinti sono più delicati di quelli naturali
  • Appena fatta la tintura, dopo averli asciugati, passare una piastra aiuta a fissare il colore più a lungo
  • Durante il lavaggio, usare shampoo e balsamo leggeri e idratanti, senza sostanze chimiche, soprattutto solfati, con l’indicazione in etichetta per capelli tinti
  • Lavare i capelli sempre con acqua fresca: per evitare fastidiose docce ghiacciate si può fare nel lavandino con l’aiuto di una bacinella
  • Evitare di spazzolare e pettinare con vigore i capelli ed altre azioni che potrebbero provocare stress agli stessi (ad esempio, legarli sempre con una coda o tirarli per uno chignon)
  • Evitare il più possibile esposizioni prolungate al sole o al vento
  • Utilizzare con frequenza un olio nutriente, il più prezioso alleato per la cura dei capelli tinti.
Leggi anche
Pentola Swiss Home
23/11/2017 0
Cucinare è un’attività che spesso si rivela essenziale, specialmente se si abita da soli. ...