Notizie.it logo

Pedicure: 5 consigli per il fai da te

pedicure

Dal pediluvio al trattamento per calli e duroni, da come eliminare le cuticole alla scelta del miglior smalto, una guida per la pedicure fai da te.

La pedicure riesce a conciliare benessere, salute ed estetica in un colpo solo. Non solo bellezza, quindi, ma anche la possibilità di prevenire e curare piccoli fastidi e doloretti ai piedi, in una dimensione di totale rilassatezza. In questa breve guida, 5 consigli da seguire per una perfetta pedicure fai da te.

1. Pedicure: l’importanza del pediluvio

Il pediluvio è la prima fondamentale azione da attuare quando si fa una pedicure. Oltre a creare un piacevole rilassamento, serve a preparare la pelle dei piedi ai vari trattamenti di cui necessita una pedicure. Si consiglia di lasciare i piedi in ammollo per qualche minuto. L’acqua deve essere calda, eventualmente arricchita da oli o sali da bagno. Un buon pediluvio ammorbidirà i calli più duri, rendendo soffici pelle e cuticole.

2. Attenzione a calli e duroni

Spesso fastidiosi e anche dolorosi, la presenza di calli e duroni è dovuta a diverse cause:

  • Errata postura
  • Uso di calzature non adeguate
  • Eccessiva pressione sul piede o su zone di esso

I calli si manifestano come dei rilievi di colore giallastro caratterizzati da un ispessimento dell’ultimo strato di epidermide.

Il durone, invece, è l’indurimento dello strato di pelle sotto la pianta del piede, del tallone o alla base delle dita. Per eliminarli, il consiglio migliore è rivolgersi ad uno specialista. Per prevenirli e toglierli con rimedi casalinghi fai da te, esistono diverse tecniche:

  • Prima di andare a dormire, dopo un pediluvio, applicare gel di aloe vera sulla parte interessata. In alternativa si possono usare anche succo limone o olio di ricino.
  • Applicare più volte al giorno un unguento di petali di calendula e una crema naturale
  • Predisporre un impacco con due fette di pane bianco, 2 di cipolla e 25o ml di aceto. Dopo 24 ore, prima di coricarsi, applicarlo sulla parte interessata, lasciandolo in posa per tutta la notte.
  • Utilizzare la pietra pomice più volte durante la settimana.
  • Fare uno scrub almeno una volta a settimana, utilizzando zucchero e olio di mandorle dolci.

3. Come togliere le cuticole

Per eliminare le cuticole, sottili ispessimenti della cute che si manifestano sulla radice delle unghie, occorre procedere per fasi.

Anzitutto, vanno rimosse tutte le tracce di smalto precedente, utilizzando un solvente a base di acetone. Terminata questa operazione, mediante un bastoncino in legno di arancio, spingere con delicatezza le cuticole verso la mano, fino a renderle il meno percettibili possibile. Se le cuticole appaiono ancora troppo visibili e sporgenti, tagliare le parti in eccesso con l’apposito strumento “taglia cuticole”, prestando molta attenzione a non compromettere l’integrità dell’unghia sottostante e a non ferirvi. Se necessario, limare la superficie delle unghie, per eliminare ulteriori irregolarità. Infine, applicare un olio specifico con qualità idratanti e nutritive.

4. Quale smalto scegliere

Uno smalto trasparente fornisce la base protettiva su cui stendere successivamente quello colorato. La base trasparente serve anche ad impedire l’ingiallimento dello strato colorato. Per stendere lo smalto colorato è buona prassi cominciare dal centro dell’unghia, poco oltre le cuticole, per poi procedere verso la punta. Successivamente, sempre partendo dal centro, applicate le pennellate verso i lati, fino a distribuire il colore su tutta la superficie interessata.

Con un bastoncino per cuticole o cotton fioc, provvedete quindi a rimuovere tutte le tracce di smalto sulla pelle. Per avere la sicurezza di un buon risultato, occorre ripetere queste operazioni almeno 1 volta. Dopo qualche minuto, mentre lo smalto inizia ad asciugarsi, mettete il top coat trasparente, che provvede a fissare e a proteggere lo smalto colorato sull’unghia. Attendere, quindi, 10-15 minuti, il tempo necessario per la completa asciugatura dello smalto.

La scelta del colore è strettamente personale. Si consiglia di non sottovalutarla troppo, lasciandosi guidare dall’istinto o dalla passione per un determinato colore. Lo smalto, infatti, pur essendo un dettaglio partecipa all’immagine completa del vostro look. Quindi, occorre evitare errori di cattivo gusto, scegliendo una tinta non adeguata ai vestiti che indossate. Per non sbagliare, si consiglia di scegliere colori neutri, adatti ad ogni outfit. Altrimenti, lasciatevi ispirare dalla moda del momento che saprà sicuramente accostare colori di smalti, indumenti, capelli, trucco e accessori.

Nella scelta dello smalto, va considerata anche la stagione. Ad esempio, durante la stagione autunnale e invernale, sono considerati decisamente più chic e trendy gli smalti scuri. Una gamma di colori che si estende dai marroni al viola e prugna, fino al classicissimo nero.

5. Quale crema usare per i piedi?

La crema da usare dopo la pedicure può essere di vari tipi. Chi è alla ricerca di un effetto rinfrescante e decongestionante può scegliere una crema con estratti di mentolo, canfora ed eucaliptolo. Questi elementi, aiutando a mantenere la pelle asciutta, sono in grado di eliminare anche i cattivi odori. Attenzione però alle allergie, visto che alcuni soggetti potrebbero essere sensibili a questi ingredienti e contrarre di conseguenza dermatiti da contatto. Se desiderate un effetto tonificante e riposante, le migliori creme piedi sono a base di estratti di ippocastano e lavanda. Un effetto emolliente si raggiunge, invece, con prodotti agli estratti di camomilla e calendula. Per chi ha interesse a mantenere morbida la pelle, la soluzione ideale è in una crema all’estratto di stella alpina, mentre per chi soffre di eccessiva sudorazione, il caro vecchio borotalco resta sempre il miglior rimedio.

© Riproduzione riservata
Leggi anche