Il calendario dei saldi invernali 2021 e le regole da seguire

Saldi invernali 2021: quando cominciano in ogni regione, i cambiamenti determinati dalla pandemia del Covid-19 sulle date e le regole da seguire

Per alcune regioni la stagione dei saldi invernali 2021 è gia cominciata, per altre inizierà molto più tardi. Ecco i cambiamenti determinati dall’emergenza sanitaria regione per regione e il decalogo da seguire durante gli acquisti.

Saldi invernali 2021 nell’epoca Covid

Come in tutti i settori economici, anche per quanto riguarda i saldi- così come avvenuto con quelli estivi pos- primo lockdown – ci saranno alcuni cambiamenti determinati dalla pandemia di Covid-19.

Se alcune regioni hanno cominciato la stagione degli sconti già i primi giorni di gennaio, altre hanno deciso di posticipare le date, altre di evitare giorni festivi per il rischio di assembramento. In ogni caso, il periodo delle promozioni dura 60 giorni, quindi per la maggior parte delle regioni i saldi termineranno per metà marzo 2021, anche se non mancheranno le eccezioni a seconda della data di inizio.

Ovunque la principale preoccupazione è ovviamente quella di evitare le scene degli assembramenti registrati nel periodo del black friday e dello shopping natalizio.

Ricordiamo che il periodo dei saldi – sia invernali che estivi – è stabilito in autonomia da Comuni e Regioni quindi ogni territorio ha preso la decisione più giusta con un occhio agli ultimi bollettin dei contagi.

Il calendario dei saldi regione per regione

Di seguito il calendario dei saldi invernali 2021 regione per regione:

Abruzzo: dal 4 gennaio

Basilicata: dal 2 gennaio

Calabria: dal 4 gennaio

Campania: dal 5 gennaio

Emilia: Romagna: dal 30 gennaio

Friuli Venezia Giulia: dal 7 gennaio

Liguria :dal 29 gennaio

Lazio: dal 12 gennaio

Lombardia: dal 7 gennaio

Marche: dal 16 gennaio

Molise: dal 2 gennaio

Piemonte: dal 7 gennaio

Puglia: dal 7 gennaio

Sardegna: dal 5 gennaio

Sicilia: dal 7 gennaio 2021

Toscana: dal 30 gennaio

Veneto: 30 gennaio

Valle d’Aosta: dal 2 gennaio 2021

Provincia Autonoma di Trento: dal 4 gennaio

Provincia Autonoma di Bolzano (comuni non turistici): dal 16 gennaio

Provincia Autonoma di Bolzano (comuni turistici): dal 13 febbraio

Umbria: dal 9 gennaio

Le regole da seguire per la prevenzione del Covid-19

Advertisements

Per effettuare gli acquisti in tutta sicurezza- soprattutto riguardo i capi di abbigliamento – ecco di seguito il decalogo della Federazione Moda Italia e Confcommercio:

  • Va mantenuta la distanza di almeno un metro tra i clienti in attesa di entrata ed all’interno del negozio (salvo eventuali ulteriori prescrizioni regionali).
  • Prima di toccare i prodotti è obbligatoria la pulizia delle mani attraverso le soluzioni igienizzanti messe a disposizione degli acquirenti.
  • I clienti devono obbligatoriamente indossare la mascherina, così come i lavoratori in tutte le occasioni di interazione con i clienti stessi.
  • La possibilità di cambiare il capo dopo che lo si è acquistato è generalmente lasciata alla discrezionalità del negoziante, a meno che il prodotto non sia danneggiato o non conforme (artt. 130 e ss. d.lgs. 6 settembre 2005, n. 206, Codice del Consumo). In questo caso scatta l’obbligo per il negoziante della riparazione o della sostituzione del capo e, nel caso ciò risulti impossibile, la riduzione o la restituzione del prezzo pagato.

    Il compratore è però tenuto a denunciare il vizio del capo entro due mesi dalla data della scoperta del difetto.

  • Per quanto riguarda la prova dei capi, non c’è obbligo. È rimessa alla discrezionalità del negoziante. Prima di effettuare la prova vanno disinfettate le mani e, durante la prova dei prodotti, va sempre indossata la mascherina anche nei camerini.
  • Le carte di credito devono essere accettate da parte del negoziante e, in ogni caso, vanno favorite modalità di pagamento elettroniche.
  • I capi che vengono proposti in saldo devono avere carattere stagionale o di moda ed essere suscettibili di notevole deprezzamento se non venduti entro un certo periodo di tempo.
  • Obbligo del negoziante di indicare il prezzo normale di vendita, lo sconto e il prezzo finale.
  • Qualora il prodotto acquistato in saldo debba prevedere modifiche e/o adattamenti sartoriali alle esigenze della clientela (es. orli, maniche, asole, ecc…) il costo è a carico del cliente, salvo diversa pattuizione.

    L’operatore commerciale dovrà darne preventiva informazione al cliente.

  • Esposizione all’ingresso del locale di un cartello con il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente; dilazionamento degli ingressi; sosta all’interno dei locali solo per il tempo necessario all’acquisto di beni ed evitare abbracci e strette di mano.
Scritto da Veronica Rizzo
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Guanti in lana da donna: i modelli in trend

I migliori aspirapolvere da acquistare: consigli e modelli

Leggi anche
  • Regali green per chi ama l'ambienteRegali eco-friendly: idee originali che aiutano il pianeta

    Regali eco-friendly: tante idee per chi ama l’ ambientale. Oggetti ecosostenibili, prodotti naturali e accessori che non inquinano.

  • Giochi BambiniPlayStation 5, l’elenco di tutti i migliori videogiochi per bambini

    Ecco alcuni dei migliori videogiochi destinati ai bambini da giocare tramite la PlayStation 5, la console per videogame ‘next-gen’ prodotta da Sony.

  • festa delle donne: idee specialiFesta delle Donne: idee regalo per l’8 marzo

    Festa delle Donne: dal classico mazzo di mimose al biglietto fai da te, fino al vero e proprio regalo: come fare una bella sorpresa alle donne che amiamo.

  • 
    Loading...
  • Sci alpino attrezzaturaSci alpino: quale attrezzatura è necessario acquistare?

    Sei pronto per una settimana bianca? Ecco l’attrezzatura per lo sci alpino indispensabile se vuoi divertirti a scendere dalle piste innevate

  • Migliori giochi per ragazze Playstation 5Migliori giochi per ragazze per Playstation 5: i titoli

    Tutti i titoli per la Playstation 5 per ragazze da non perdere: ecco quali videogiochi scegliere.

Contents.media